Commodore rilancia con nuovi personal computer dedicati ai videogames

Chi non ricorda il mitico Commodore 64, il computer più venduto del Ventesimo secolo? O la famiglia degli Amiga (Amiga 1000, Amiga 500 e Amiga 2000)? Sono apparecchiature informatiche che hanno segnato il glorioso inizio della diffusione in massa dei personal computer e rappresentano ciò da cui in qualche modo larga parte dei computer attuali derivano.

Non più tardi di due anni fa, la Yeahronimo Media Ventures Inc. ha acquistato dalla Tulip Conputers International i diritti relativi al marchio Commodore (investendo ben 24 milioni di euro), proponendosi di rilanciare nel mondo il prestigio tecnologico del leggendario brand.

L’obiettivo è la realizzazione di macchine informatiche pensate espressamente per il mondo degli appassionati di videogames. In questo senso la progettazione e la produzione verranno fondate su una sinergia tra due aziende specializzate in questo campo, da una parte la stessa Commodore International Corporation e dall’altra The Content Factory.

Così si provvederà a realizzare computer perfettamente rispondenti ai requisiti tecnologici richiesti dai giochi creati da una delle più importanti aziende del settore.

Interessante a questo riguardo la dichiarazione rilasciata da Bala Keilman, CEO della divisione Commodore Gaming, in merito ai nuovi Commodore PC: “Siamo fortunati ed entusiasti di poter portare nuovamente questo marchio nella community degli appassionati di giochi, segnando un nuovo capitolo nella sua storia con queste straordinarie macchine. Siamo sicuri che riusciremo a realizzare quello che i videogiocatori desiderano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 0,0000
T5 = 1.562,5000
T6 = 1.562,5000
T7 = 1.562,5000 > 24294,49 > 24294,47