Hp e FDC insieme per la realizzazione di un prototipo di display flessibile per costi di notebook e smartphone minori. Anticipazioni.

E’ una grande innovazione: nasce il primo prototipo di display flessibile risultato di una collaborazione tra Hewlett Packard e il Flexible Display Center. Il particolare display è stato realizzato da FDC e HP, impiegando una nuova tecnologia denominata SAIL (Self-Aligned Imprint Lithography) cioè litografia a stampa ad auto-allineamento. La tecnologia è stata così denominata perchè la stampa litografica avviene sul substrato in modo tale che le eventuali distorsioni indotte dal processo produttivo non vanno ad inficiare il corretto allineamento dei pattern.

La tecnologia SAIL permetterebbe, dunque, la produzione di array di transistor su sottili pellicole di materiale plastico flessibile grazie un processo a basso costo. La produzione in volumi di display flessibili di questo tipo permetterà la realizzazione di notebook, smartphone e altri dispositivi elettronici a bassi costi, considerando che sono i display oggi a rappresentare i componenti più costosi per la realizzazione di questi prodotti.

Il direttore delle information surfaces degli HP Lab, Carl Taussing, ha spiegato che oltre a fornire processi a basso consumo di energia, la tecnologia SAIL rappresenta un approccio più sostenibile e sensibile all’ambiente rispetto alla produzione tradizionale di display elettronici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 0,0000
T5 = 0,0000
T6 = 0,0000
T7 = 0,0000 > 72498,43 > 72498,43